Zoey’s Extraordinary Playlist – 1×01 Pilot


Zoey's Extraordinary Playlist - 1×01 PilotAbbiamo già parlato molte volte di come i network, in particolare nel genere comedy, si stiano lentamente ma brillantemente rimettendo in piedi dopo anni di declino qualitativo, tornando nelle grazie della critica televisiva e spesso sfornando prodotti (The Good Place, This is Us) che raggiungono il livello più alto delle classifiche annuali.

Il primo nome che viene in mente è CW ma anche NBC, specie con il salvataggio di Brooklyn Nine Nine, si è particolarmente contraddistinta per l’attenzione nel creare e mantenere prodotti generalisti estremamente validi, ottimamente scritti e capaci di far innamorare critica e pubblico. Il pilot di Zoey’s Extraordinary Playlist conferma questo trend positivo, mettendoci di fronte a un prodotto dalle notevoli ambizioni (è chiaro il desiderio di occupare nei cuori del pubblico il posto lasciato vacante da Crazy Ex-Girlfriend) ma che per ora riesce ad essere perfettamente all’altezza di esse.

Zoey’s Extraordinary Playlist è la comedy perfetta per sopravvivere a questo drammatico inizio di 2020, capace di coniugare i buoni sentimenti con una vivacità di scrittura e un ritmo comico impeccabili, insieme a quel tocco metatestuale che sembra diventato un elemento immancabile nelle comedy contemporanee; ma soprattutto è – come avrete intuito dal paragone con Crazy Ex-Girlfriend – un musical, genere feel good per eccellenza che sembra risorgere come una fenice dalle proprie ceneri ogni volta che il mondo sembra colare a picco, forse perché ne abbiamo così tanto bisogno.

Quindi, si canta e si balla in questo pilot e lo si fa non sulle note di canzoni originali ma su una playlist (appunto) di cover più o meno famose: la playlist del titolo, appunto, in qualche modo penetrata nella mente della protagonista Zoey, una coder timida e solitaria, durante una turbolenta (letteralmente, siamo a San Francisco e c’è stata una scossa di terremoto) risonanza magnetica.
Zoey, interpretata dall’ottima Jane Levy, diventa quindi un karaoke o uno Spotify umano: non è lei a cantare, bensì sente cantare gli altri, tutti gli altri. Per strada , a casa, da soli o in gruppo, quando Zoey entra in connessione con le persone queste saltano in piedi ed esprimono le proprie emozioni segrete attraverso la cover di una canzone famosa.

Zoey's Extraordinary Playlist - 1×01 PilotIntuite già il Grande Dilemma Morale dietro l’angolo? Ovviamente, sbirciare nella testa delle persone senza che loro ne siano consapevoli non è un bel gesto e la nostra Zoey se ne rende conto fin da subito, ma la possibilità di entrare in connessione con l’uomo che desidera e soprattutto di riuscire a trovare un contatto col padre, vittima di una malattia degenerativa cerebrale, rappresenta una possibilità troppo importante per lei per mettersi a discutere la validità del suo potere, almeno finché questa convinzione non viene messa in crisi da una rivelazione che davvero non può essere ignorata.
È tutta qui la trama di Zoey’s Extraordinary Playlistdialoghi a orologeria, ironia e sarcasmo ben dosati in una cornice di buoni sentimenti perfetta per veicolare il messaggio, qualità attoriale garantita da Levy e dagli ottimi comprimari (Lauren Graham, Skylar Astin e Alex Newell su tutti). Il tutto arricchito da numeri musicali dalla coreografia impeccabile che spaziano tra i generi — dai Beatles a Céline Dion — e si inseriscono nella trama senza strappi e senza soffocare le performance non musical.

Mettere insieme leggerezza, qualità della confezione e un prodotto che funziona alla perfezione non è impresa da poco, e troppo spesso si sottovaluta la difficoltà di sfornare una comedy ben riuscita, che intrattenga come fa questo pilot di ben 43 minuti che però scorrono via come se fossero venti, perché ben gestiti e necessari per introdurre sia la protagonista che il suo mondo e settare le trame che presumibilmente proseguiranno per tutta la stagione. Si resta con la sensazione di voler tornare prima possibile alle avventura di Zoey, a questa storia che si dipana lungo i binari dei trope della romantic comedy ma promettendo interessanti variazioni sul tema, alle one-liner brillanti e soprattutto al musical. Sarebbe difficile chiedere di più al pilot di una comedy.

Voto: 8

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Eugenia Fattori

Bolognese di nascita - ma non chiedete l'età a una signora - è fanatica di scrittura e di cinema fin dalla culla, quindi era destino che scoprisse le serie tv e cercasse di unire le sue due grandi passioni. Inspiegabilmente (dato che tende a non portare mai scarpe e a non ricordarsi neanche le tabelline) è finita a lavorare nella moda e nei social media, ma Seriangolo è dove si sente davvero a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.