Minority Report – 1×01 Pilot 3


Minority Report - 1x01 PilotIn principio fu Philip Dick con il racconto Rapporto di Minoranza, seguito nel 2002 dal suo adattamento cinematografico ad opera di Steven Spielberg. Oggi Minority Report diventa una serie televisiva che, già solo dal pilot, possiamo affermare che non renderà giustizia né all’uno né all’altro predecessore.


Dash, Arthur e Agatha
sono tre bambini con dei poteri psichici misteriosi, in grado in qualche modo di prevedere il futuro. Sfruttati a dovere, i bambini furono utilizzati dal governo per istituire il Dipartimento del Precrimine, in grado di arrestare i futuri killer prima dell’effettivo compimento dell’omicidio.
Minority Report - 1x01 PilotLa storia narrata dalla serie tv ideata da Max Borenstein comincia nel 2065, a Washington, dieci anni dopo la chiusura del Dipartimento. I fratelli sono ormai adulti e ognuno fa la sua vita; Dash, il protagonista del telefilm, è un ragazzo un po’ dissociato, che ha avuto chiaramente un’infanzia difficile e che non riesce a darsi pace, avendo ancora visioni di omicidi futuri che tenta (al di fuori della legge) di impedire.
Ecco, questa è sostanzialmente la trama di partenza: essendo una recensione di un pilot e quindi spoiler free, dobbiamo fermarci qui. Ma pensandoci bene, anche se fosse stata una recensione di una puntata “normale”, non ci sarebbe molto altro da dire.

Minority Report - 1x01 PilotPartiamo dalla trama, già conosciuta in lungo e in largo, e quindi al momento poco foriera di sorprese: è ovvio, ci si aspetta che nelle restanti 12 puntate gli autori qualcosa si inventeranno, ma vedendo quanto fatto in questo pilot il pessimismo sul futuro della serie aleggia in maniera pesante.
Le azioni dei protagonisti sono meccaniche, pesanti, poco fluide e altamente prevedibili, grave handicap per una storia che parla del futuro e della sua effettiva realizzazione sulla base di quanto preconizzato; gli argomenti sono tanti, anche a livello morale, ma essendo trattati molto superficialmente e con un timbro quasi da comedy, la storia risulta come un gioco tra bambini poco cresciuti, che nulla ha a che vedere con i dilemmi posti dalla storia originale nata dal genio di Dick.

Minority Report - 1x01 PilotIl casting è stato molto probabilmente fatto in fretta e furia, scritturando attori chiaramente non all’altezza della situazione.
Stark Sands ha una mimica facciale irritante; rende la sociopatia e il “ritardo” del personaggio in maniera esagerata, facendolo diventare comico, ben oltre la tenera simpatia che dovrebbe suscitare.
Meagan Good è sicuramente migliore, più nel ruolo, ma anche in questo caso la sua scrittura è esageratamente sopra le righe, rischiando ogni volta di farla cadere nel ridicolo.
Insomma, oltre alla scrittura dell’episodio, anche la caratterizzazione dei personaggi principali è fuori dagli schemi, in senso negativo: si può accettare l’idea di rendere più leggere tematiche che finora – nelle varie scritture della stessa storia – erano state più serie, ma non fino al punto di renderle quasi ridicole.

Minority Report - 1x01 PilotIl destino, il libero arbitrio, incarcerare persone che fino a quel momento non avevano fatto niente di male, il senso di giusto e sbagliato, i dubbi morali di chi riesce a prevedere il futuro sono solo alcune delle tematiche che Dick prima, e in certa misura Spielberg poi, avevano inserito nelle loro opere, ed era giusto aspettarselo anche dalla serie.
Certo, dopo soli 45 minuti è difficile dare un giudizio al prodotto: resta il fatto che questa versione di Minority Report nasce in maniera del tutto diversa, a tratti sconcertante. È nel diritto degli autori prendere una storia già raccontata e trovare nuovi sbocchi di comunicazione, nuovi modi di veicolare un messaggio, specie quando si parla di fantascienza: ma la qualità della scrittura, del montaggio, dei dialoghi e della struttura che regge tutto lo show deve essere di livello alto se si vuole produrre una storia memorabile e rendere il prodotto ricordabile.
Purtroppo, questo pilot delude chi si aspettava almeno in parte tutto questo, dando al pubblico l’impressione di una storia raffazzonata e semplificata anche a livello visivo per non escludere nessuno dalla comprensione del messaggio; a tratti, sembra di guardare una puntata random di Terra Nova.

Minority Report esordisce sul piccolo schermo sbagliando quasi tutto: non servono le proprietà psichiche dei tre fratelli precog per capire che la serie non andrà molto lontano.

Voto: 4½

Condividi l'articolo
 

Informazioni su Ste Porta

Guardo tutto quello che c'è di guardabile e spesso anche quello che non lo è. Sogno di trovare un orso polare su un'isola tropicale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 commenti su “Minority Report – 1×01 Pilot

  • eleonora

    Ok, grazie per il commento , ora non ho più dubbi : non seguirò la serie.

    P.S. se tu sei stato fidanzato con Evangeline e non ha funzionato, io ho dovuto lasciare i colonnello l O’Neill . Non era mai a casa ! 😉

     
    • Ste Porta L'autore dell'articolo

      Ciao Eleonora, grazie a te per il commento. Sì, il consiglio è di non perderci tempo. 🙂
      Mi dispiace per la tua storia, è finita come la mia mi sa. 😀 A presto.

       
  • Lukamin

    Questo pilot è una cagata pazzesca….solo le pseudo scene comiche fanno veramente pena !
    Nel giro di 1 episodio sono riusciti a rovinare una buona idea di partenza…
    Sceneggiatori ottimi per “Gli occhi del Cuore 2 “